Loading...
Focus sull’Ascolto 2018-06-16T02:26:10+00:00

Durata del corso

Da definire

Orari

Da definire

Date

Da definire

Docente

Lucia di Camillo

Sede del corso

Da definire

Num. partecipanti

minimo 10

Il corso

OBIETTIVO DEL CORSO

Il corso si propone di offrire a ciascun studente un percorso personalizzato e su misura, allo scopo di affinare l’ascolto di sé e degli altri.

PERCHÈ QUESTO CORSO

La figura dell’operatore olistico professionista, con l’aiuto di questo percorso, acquisisce ulteriori capacità di ascoltare e prestare attenzione, allenando concentrazione, memoria e capacità empatica. Lo studente sarà più presente nel qui ed ora, attento e riconoscente di quello che succede prima dentro di sé e poi nella persona con cui avrà a che fare. Tali capacità sono ad oggi fondamentali nello sviluppo di qualsiasi carriera, soprattutto nell’ambito umanitario.

COSA PREVEDE IL CORSO

  • Un test d’ascolto iniziale al singolo studente, unito ad un colloquio con il tutor, nella persona di Lucia Di Camillo, per poi impostare un percorso d’ascolto personalizzato
  • Un percorso d’ascolto della durata totale di 30 ore, che lo studente effettuerà in totale autonomia, seguendo regole precise che verranno comunicate e attraverso una strumentazione che verrà noleggiata a tutti gli studenti
  • Incontri personalizzati, singoli e di follow-up, ogni 8 ore di ascolto effettuate, per monitorare l’andamento del percorso e rendere ancora più efficace e consapevole il lavoro su di sé
  • Un test d’ascolto finale e un colloquio con il tutor, per osservare i cambiamenti vissuti e concludere il percorso.

Modalità di iscrizione e costi

Da definire

APPROFONDIMENTO – COS’È L’AUDIOPSICOFONOLOGIA?

Sentire ed ascoltare sono due funzioni completamente diverse. Sentire è un atto passivo, un atto che non richiede sforzo, qualche cosa di puramente fisiologico. Ascoltare, invece, implica un impegno, una volontà, uno sforzarsi a tendere l’orecchio e prestare attenzione. Possiamo avere un ottimo udito ma una pessima capacità di stare in ascolto: questa capacità va quindi allenata.

È proprio su questo allenamento che si basa l’audiopsicofonologia, la scienza che vede l’utilizzo di musica classica lavorata e impostata dal professionista audiopsicofonologo in un software chiamato Orecchio Elettronico. Sia la musica che il software vengono scelti e lavorati sulla base della persona che si vuole trattare, sul suo percorso e sul suo obiettivo. Lo scopo è sempre quello di una rieducazione dell’orecchio e dell’apparato uditivo, in quanto è il senso che manda al sistema nervoso circa il 60% delle informazioni che arrivano dall’esterno. Ha quindi un ruolo fondamentale, che non è solamente quello di farci sentire!

Se ben educato, attraverso la stimolazione sonora e il percorso Focus sull’ascolto, l’orecchio è in grado di inviare le informazioni giuste al sistema nervoso per lavorare su concentrazioneattenzione, memoria e apprendimento. Rappresenta davvero un ottimo canale per stimolare il cervello attraverso la creazione di nuove sinapsi e il lavoro sulle connessioni cerebrali. Ascoltare bene significa riuscire a prestare attenzione, a migliorare quindi una performance, spostando il focus su ciò che ci interessa!

Lorenzo La Rosa

Lucia di Camillo

Audiopsicofonologa e linguista